ALBERTANO - IL CASO DEL SANTO SENZA VOLTO

Dettagli della notizia

Data:

20 mar 23

Tempo di lettura:

da elaborare

Il giudice Albertano torna a Paitone venerdì 24 marzo
Il caso del santo senza volto
Nuovo caso, il nono, per il giurista medioevale che il giornalista, scrittore e storico Enrico
Giustacchini ha trasformato in investigatore. Albertano da Brescia, realmente vissuto nella prima
metà del tredicesimo secolo, torna nel bresciano dopo un’estemporanea avventura, l’ottava, in
quel di Genova.
“Il caso del santo senza volto” inizia con un fatto di sangue che sembra coinvolgere due
fratelli, il contadino Caio e l’allevatore Galvagno. Il fatto non pare presentare punti oscuri nella
dinamica, anche perché ha avuto un testimone oculare, involontario, nel guardiano di porci
Masuccio, ed invece si trasforma nel caso forse più complicato che Albertano, assistito dall’amico
medico Berengario, abbia dovuto affrontare. Teatro della scabrosa vicenda, dove nulla è come
sembra, è Zanato, attuale Zanano, frazione del Comune di Sarezzo, sede dell’evanescente
castrum di Testaforte, una cittadella destinata a vigilare sulla Val Trompia, oggi (quasi) scomparsa,
della quale rimangono solo poche tracce cittadine. Una presenza ricordata, anche se ben
testimoniata, più che altro dalla storia locale, condizione che accresce il fascino ambientale della
vicenda. Possiamo rivelare che il santo del titolo è San Faustino, ma non possiamo spiegare
l’enigma che lo circonda per non lasciare tracce verso la soluzione del caso. Delizioso, all’interno
del romanzo, il colloquio sulla luna, accompagnato da dottissime citazioni, anche bibliche;
colloquio a quattro, fra Albertano, Berengario e due ospiti, il mercante ebreo Elisha e uno studioso
arrivato dall’oriente, Solyman: una sorta di concilio fra le tre maggiori religioni monoteiste.
Nella serata dedicata all’ultimo libro di Enrico Giustacchini, che si terrà venerdì 24 marzo nella
Sala polivalente della cultura di Paitone alle ore 20.30, presenzierà con alcune letture di brani
del romanzo Silvia Visini. La serata si avvarrà inoltre della partecipazione straordinaria del Coro
Erica diretto dal maestro Enzo Loda.
Franco Tarsi
Consigliere alla Cultura di Paitone