Vivere Paitone

                  

L’area montana di Paitone è nota nella letteratura geografico-speologica in genere con il nome ormai classico di “Carso di Paitone”.

Dalle caverne dell’onomino monte Buco del Frate e Bucoo del Fico, negli anni 1954-1970, vennero rinvenuti molti reperti fossili del quaternario: orso delle caverne, denti di iena macchiata delle caverne, resti faunistici vari e reperti fossili (ora custoditi nel Museo della Vallesabbia di Gavardo).
Nel 1957 è stato individuato sul monte Paitone uno stanziamento umano risalente all’età del bronzo medio del tipo Civiltà di Polada.
Il nucleo originario di Paitone è da collocarsi nella Zona della chiesa di Santa Giulia, dove risiedeva la famiglia Paitone (vassalli del monastero di San Pietro in Monte Orsino di Serle) e dove, in via Moretto, si distinguono alcune case medioevali.
Nel 1426 Paitone divenne veneziano (faceva parte della quadra di Gavardo). Nel 1610 v’erano secondo il Lezze, 400 abitanti.
Il Nome di Paitone verrebbe da “bastona”,(grande baita); oppure dalla voce lombarda “paiton”,(loglio), da “le baitone” plurale di “baite”.

Nella seguente sezione puoi trovare informazioni riguardo a:

- COSA VEDERE

-NUCLEI E FRAZIONI

Ultime notizie correlate a Vivere Paitone

𝗡𝗢𝗡 𝗔𝗕𝗕𝗔𝗦𝗦𝗔𝗥𝗘 𝗟𝗔 𝗚𝗨𝗔𝗥𝗗𝗜𝗔
𝗡𝗢𝗡 𝗔𝗕𝗕𝗔𝗦𝗦𝗔𝗥𝗘 𝗟𝗔 𝗚𝗨𝗔𝗥𝗗𝗜𝗔
25-gen-22
27 𝓰𝓮𝓷𝓷𝓪𝓲𝓸 2022 Per la diciassettesima volta dall’istituzione ....
Apertura iscrizioni Micronido A.S. 2022 - 2023
Apertura iscrizioni Micronido A.S. 2022 - 2023
24-gen-22
Si trasmettono in allegato i seguenti documenti: Avviso apertura iscrizioni Micronido A.S. 2022 - 2023 Modulo iscrizione ....
DONI ALIMENTARI COLDIRETTI
DONI ALIMENTARI COLDIRETTI
15-gen-22
Un sentito ringraziamento a COLDIRETTI per i doni alimentari consegnati questa mattina in Comune dal Sig. Giacomo Bertelli. ....
UFFICI COMUNALI APERTI SOLO SU APPUNTAMENTO
UFFICI COMUNALI APERTI SOLO SU APPUNTAMENTO
29-dic-21
Si trasmette in allegato comunicazione di quanto riportato nel titolo della notizia

Eventi in archivio correlati a Vivere Paitone

 17-set-20
IL GIUDICE ALBERTANO E IL CASO DEL SUONATORE NELLA NOTTE